Scarica il Feed RSS

repni

Aggiungi a preferiti

 
 
 

auto ferma in riparazione

Top 100 Joomla

 

www.autoinformazioni.org
Gli articoli più letti

 

Arezzo, dal 16-22 settembre, si terrà il 4° workshop nazionale "Mobilità: pianificazione integrata e sostenibile" PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 9
ScarsoOttimo 
Martedì 06 Settembre 2011 17:28

In vista della Settimana Europea per la Mobilità Sostenibile (16-22 settembre), provincia di Arezzo, Centro "Francesco Redi" e Scuola internazionale ambiente salute e sviluppo sostenibile (Siass), hanno organizzato il 4° Workshop nazionale "Mobilità: pianificazione integrata e sostenibile" che si terrà ad Arezzo il 14 e 15 settembre, presso il Centro Convegni Hotel Minerva (Via Fiorentina 4).

Partendo dal dato che la gestione del territorio, compreso il traffico con il conseguente inquinamento atmosferico e acustico è da considerare un determinante della salute, il Workshop, suddiviso in varie sessioni, affronta i temi della mobilità rapportandoli alla qualità della vita dei cittadini.

Durante la prima sessione dei lavori "Sicurezza stradale: Global Plan" si parlerà di gestione della sicurezza stradale, miglioramento delle infrastrutture e dei veicoli stradali, promozione di una guida più consapevole e incremento della risposta post-incidente.

Il progetto "Global Plan for the Decade of Action for Road Safety 2011-2020", elaborato dalla Un Road Safety Collaboration, si pone come risposta ai 3 mila decessi quotidiani causati dagli incidenti stradali e mira alla salvaguardia di 5 milioni di vite in 10 anni, attraverso un'azione globale su tutti i settori della società coinvolti nel problema.

La seconda sessione sarà invece dedicata al "Trasporto pubblico e intermodalità: accessibilità e fruibilità dei territori".

«Il trasporto pubblico locale (treno, autobus, filobus, metropolitana, tram) consente l'esercizio del diritto alla mobilità dei cittadini su scala urbana ed extraurbana- spiegano gli organizzatori- I tagli che colpiscono il settore obbligano a introdurre criteri di efficienza del servizio la cui misura è generalmente orientata al numero di utenti serviti.

Tale criterio contrasta spesso con l'esigenza di accessibilità e fruibilità di un territorio nel rispetto, nella tutela e nella promozione dei diritti e della salute delle persone, della propria storia e del proprio ambiente.

L'integrazione modale permette di razionalizzare le possibilità di spostamento sul territorio, di creare un effetto di sinergia tra mezzi di trasporto differenti con una riduzione dei costi economici della mobilità, in una maggiore sostenibilità degli stili di vita e dunque in una migliore qualità della vita, in una riduzione del traffico e dell'impatto inquinante causato dall'uso generalizzato e spesso improprio dei sistemi di trasporto a motore e in particolare dell'autovettura privata».

L'ultima sessione si occuperà di "Mobilità lenta, mobilità turistica, mobilità responsabile" e metterà in relazione il come ci spostiamo alla qualità della vita.

Infine è previsto un Focus group specifico (Sala dei Grandi - provincia di Arezzo, 16 Settembre 2011 Ore 9.30 - 13.00) che sarà dedicato agli interventi nella realtà aretina
dove la provincia sta elaborando il primo Piano della Mobilità.

(fonte www.greenreport.it)

---------------------------------------------------------------------------

Articoli collegati:

  •  


Ultimo aggiornamento Martedì 06 Settembre 2011 17:34
 
Copyright © 2017 Portale di AutoInformazioni. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.